Il Messo Notificatore

Reply

notifica ai sensi art. 60 comma 1 lett E dpr 600/1973

« Older   Newer »
view post Posted on 24/11/2010, 15:17 Quote
Avatar

Junior Member

Group:
Member
Posts:
92

Status:


Salve,
solo per esser sicuro vi chiedo un parere
-ricevo due atti dall Ade da notificare alla società AAA con sede in via BBB del mio comune

rappresentata dal
Sig. CCCC DDDDD
con residenza a _____________ (altro comune diverso dal mio)
(questo è quanto indicato nella pagina 1 dell'atto )


nella lettera accompagnatoria mi specificano : qualora il destinatario degli atti risulti irreperibile, si chiede di procedere alla notifica ai sensi dell'art. 140 cpc, se non sia possibile neppure tale tipo di notifica, procedere ai sensi dell'art. 60 comma 1 lettera E del dpr 600/1973

Visto che all'indirizzo indicato la sede della società non è esistente, io agirei depositanto in busta chiusa e sigillata sulla quale trascrivo il numero di notifica presso la casa comunale di (mio comune) ed affissione di avviso di deposito, in busta sigillata, nel relativo albo, poichè nello stesso comune non vi è abitazione, ufficio o azienda del contribuente.

mi viene il dubbio di fare la raccomandata ar perchè ancora non ho capito se in base a qualche sentenza va fatta o meno

la notifica al rappresentante avviene secondo voi automaticamente nel comune indicato sull'atto da parte dell'AdE?
grazie mille...dato che sono atti che riportano la dicitura "atti da notificare a pena decadenza entro il 31/12/2010 (la notifica eseguita tardivamente rende nullo l'atto e comporta resp. contabili perseguibili dalla procura gen. della Cdei Conti)" son un pò in ansia per capire se mi basta fare deposito e trascorsi gli otto giorni trasmettere la busta del deposito contentente l'atto direttamente all'AdE
grazie mille
 
PM Email  Top
claudiofoia56
view post Posted on 24/11/2010, 15:29 Quote




SE HO BEN CAPITO IL LEG RAPPR è INDICATO NELL ATTO è ANCHE RESIDENTE IN UN ALTRO COMUNE SE è COSI SPEDIREI IL TUTTO AL AGE SPECIFICANDO CHE NON ESISTE PIù LA DITTA IN OGGETTO LORO DOVREBBERO RISPEDIRE L ATTO AL COMUNE DI RESIDENZA DEL LEGALE RAPPR I TEMPI PER EVITARE LA PRESCRIZIONE ESISTONO
 
Top
view post Posted on 24/11/2010, 16:08 Quote
Avatar

Junior Member

Group:
Member
Posts:
92

Status:


CITAZIONE (claudiofoia56 @ 24/11/2010, 15:29) 
SE HO BEN CAPITO IL LEG RAPPR è INDICATO NELL ATTO è ANCHE RESIDENTE IN UN ALTRO COMUNE SE è COSI SPEDIREI IL TUTTO AL AGE SPECIFICANDO CHE NON ESISTE PIù LA DITTA IN OGGETTO LORO DOVREBBERO RISPEDIRE L ATTO AL COMUNE DI RESIDENZA DEL LEGALE RAPPR I TEMPI PER EVITARE LA PRESCRIZIONE ESISTONO

ma se io devo notificarlo alla ditta, anche se quello della sede è un indirizzo di "comodo" (anagraficamente vi abita una familia e tra i residenti solo una signora ha un legame di parentela con il rappresentante) non capisco se sbaglio nel caso faccia deposito dell'atto ed affissione per 8 giorni all'albo, cioè se applico come chiedono loro l'art 60 c 1 lett E...
 
PM Email  Top
view post Posted on 24/11/2010, 16:22 Quote
Avatar

Member

Group:
Moderator
Posts:
789

Status:


Io applico il 60... sempre con la relata: "Alla società AAA e per essa al Legale Rappresentante pro-tempore". Quelli dell'AdE sanno benissimo che devono notificare lo stesso atto alla società e al R.L. anche se residente in comune diverso, quindi avranno senz'altro fatto 4 copie dello stesso atto: 2 per te all'indirizzo della sede legale della società (che tu non hai trovato) e due da inviare ai messi del comune di residenza del R.L. Alcuni di noi, se ci sono i tempi prima della scadenza, restituiscono l'atto...io preferisco applicare l'art.60 come ti ho detto più sopra. Blocco con il deposito i termini di scadenza.
 
PM Email  Top
claudiofoia56
view post Posted on 24/11/2010, 16:34 Quote




si puoi anche farlo come dice manuelarm comunque io se nell atto è indicato il leg rappresentante restituisco l atto se i tempi mi permettono di eviatre prescrizioni ma a mio parere sei nel giusto anche a notificare a sensi art 60 lett e
 
PM  Top
view post Posted on 24/11/2010, 16:56 Quote
Avatar

Junior Member

Group:
Member
Posts:
92

Status:


CITAZIONE (ManuelaRm @ 24/11/2010, 16:22) 
Io applico il 60... sempre con la relata: "Alla società AAA e per essa al Legale Rappresentante pro-tempore". Quelli dell'AdE sanno benissimo che devono notificare lo stesso atto alla società e al R.L. anche se residente in comune diverso, quindi avranno senz'altro fatto 4 copie dello stesso atto: 2 per te all'indirizzo della sede legale della società (che tu non hai trovato) e due da inviare ai messi del comune di residenza del R.L. Alcuni di noi, se ci sono i tempi prima della scadenza, restituiscono l'atto...io preferisco applicare l'art.60 come ti ho detto più sopra. Blocco con il deposito i termini di scadenza.

grazie, ma tu fai anche la spedizione della racc ar all'indirizzo della società?, io lo farei anche se magari è superfluo
grazie ancora
 
PM Email  Top
view post Posted on 24/11/2010, 17:07 Quote
Avatar

Member

Group:
Moderator
Posts:
789

Status:


No. Nel caso dell'art.60 (irreperibilità) avrebbe, come dici tu, poco senso inviare una raccomandata all'indirizzo dove so per certo che non ci sono.
 
PM Email  Top
messicefalu
view post Posted on 24/11/2010, 18:15 Quote




messicefalu
Dal tuo quesito emerge che all'indirizzo segnalato in atti non esiste la sede legale della società o quanto meno non è più attendibile.
Nel passato anche a me è capitata una simile situazione , se indicata in calce all'atto la persona del legale rappresentante con relativo indirizzo, è ovvio che alla sua privata abitazione deve indirizzarsi l'azione del Messo, anche perchè espressamente prevista dall'art. 145 cpc - Ovviamente se costui è abitante o ha l'ufficio in territorio di domicilio fiscale della Società.
Diversamente non rimane che effettuare la notifica ai sensi art.60 lett. e dpr 600/73.
E' assurdo pensare di inviare una raccomandata comunicante il depsosito visto che è inesistente la sede ed anche perchè non è prevista dalla suddetta norma.
Di solito accade ( ma questo non attiene alla notifica) che l'Agenzia delle Entrate ai fini meramente conoscitivi della pretesa fiscale fa notificare ugualmente gli atti al comune di residenza di esso legale rappresentante.
Salvatore messicefalu
 
Top
view post Posted on 25/11/2010, 08:45 Quote
Avatar

Junior Member

Group:
Member
Posts:
92

Status:


CITAZIONE (messicefalu @ 24/11/2010, 18:15) 
messicefalu
Dal tuo quesito emerge che all'indirizzo segnalato in atti non esiste la sede legale della società o quanto meno non è più attendibile.
Nel passato anche a me è capitata una simile situazione , se indicata in calce all'atto la persona del legale rappresentante con relativo indirizzo, è ovvio che alla sua privata abitazione deve indirizzarsi l'azione del Messo, anche perchè espressamente prevista dall'art. 145 cpc - Ovviamente se costui è abitante o ha l'ufficio in territorio di domicilio fiscale della Società.
Diversamente non rimane che effettuare la notifica ai sensi art.60 lett. e dpr 600/73.
E' assurdo pensare di inviare una raccomandata comunicante il depsosito visto che è inesistente la sede ed anche perchè non è prevista dalla suddetta norma.
Di solito accade ( ma questo non attiene alla notifica) che l'Agenzia delle Entrate ai fini meramente conoscitivi della pretesa fiscale fa notificare ugualmente gli atti al comune di residenza di esso legale rappresentante.
Salvatore messicefalu

ciao, all'indirizzo segnalato nella notifica non è di fatto attendibile la sede legale della società, redigo quindi la relata di affissione all'albo che inserisco in busta chiusa e sigillata con tanto di intestazione per gli otto giorni.
non ho ben compreso le modalità di reso degli atti ricevuti
leggo nel forum che alcuni mandano la raccomandata ar al destinatario in base a sentenze che possono prevederla
ne tengo una copia in deposito in busta chiusa e sigillata ed una la rendo con la busta di affissione all'Ade?
grazie ancora per l'aiuto

Edited by paolo74bg - 25/11/2010, 09:31
 
PM Email  Top
salvatore.calamo
view post Posted on 25/11/2010, 09:41 Quote




CITAZIONE (paolo74bg @ 25/11/2010, 08:45) 
CITAZIONE (messicefalu @ 24/11/2010, 18:15) 
messicefalu
Dal tuo quesito emerge che all'indirizzo segnalato in atti non esiste la sede legale della società o quanto meno non è più attendibile.
Nel passato anche a me è capitata una simile situazione , se indicata in calce all'atto la persona del legale rappresentante con relativo indirizzo, è ovvio che alla sua privata abitazione deve indirizzarsi l'azione del Messo, anche perchè espressamente prevista dall'art. 145 cpc - Ovviamente se costui è abitante o ha l'ufficio in territorio di domicilio fiscale della Società.
Diversamente non rimane che effettuare la notifica ai sensi art.60 lett. e dpr 600/73.
E' assurdo pensare di inviare una raccomandata comunicante il depsosito visto che è inesistente la sede ed anche perchè non è prevista dalla suddetta norma.
Di solito accade ( ma questo non attiene alla notifica) che l'Agenzia delle Entrate ai fini meramente conoscitivi della pretesa fiscale fa notificare ugualmente gli atti al comune di residenza di esso legale rappresentante.
Salvatore messicefalu

ciao, all'indirizzo segnalato nella notifica non è di fatto attendibile la sede legale della società, redigo quindi la relata di affissione all'albo che inserisco in busta chiusa e sigillata con tanto di intestazione per gli otto giorni.
non ho ben compreso le modalità di reso degli atti ricevuti
leggo nel forum che alcuni mandano la raccomandata ar al destinatario in base a sentenze che possono prevederla
ne tengo una copia in deposito in busta chiusa e sigillata ed una la rendo con la busta di affissione all'Ade?
grazie ancora per l'aiuto

Caro collega,la procedura giusta è quella da te evidenziata senza l'invio della raccomandata A.R. in quanto non contemplata da nessuna norma di legge.
Quando scadono gli 8 giorni di affissione,la busta chiusa e sigillata deve essere restituita insieme all'atto all'Agenzia delle Entrate che ti ha inoltrato l'atto per la notifica.
Da tener presente che una copia dell'atto deve essere depositato nella Casa Comunale in busta chiusa e sigillata.
Ciao.
 
Top
view post Posted on 25/11/2010, 09:59 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,961

Status:


CITAZIONE
leggo nel forum che alcuni mandano la raccomandata ar al destinatario in base a sentenze che possono prevederla

Non confondere la raccomandata (non necessariamente A.R.) da inviare, in caso di consegna di un atto fiscale ad un famigliare nel domicilio, in modo da avvisare il destinatario dell'avvenuta notifica a suo carico ;)
 
PM Email Web Contacts  Top
view post Posted on 25/11/2010, 10:09 Quote
Avatar

Exenon

Group:
Moderator
Posts:
1,353

Status:


CITAZIONE
leggo nel forum che alcuni mandano la raccomandata ar al destinatario in base a sentenze che possono prevederla

In effetti, in qualche discussione qualche collega ha scritto che per eccesso di zelo invia una raccomandata applicando l'art. 60 lett."E", ma si tratta solamente di iniziativa personale, in quando tale procedura non è prevista da nessuna norma.

image
 
PM Email  Top
view post Posted on 2/12/2010, 10:52 Quote

Junior Member

Group:
Member
Posts:
72

Status:


Ho ricevuto dall’Agenzia delle Entrate di XX la richiesta di notifica di un atto tributario intestato a persona giuridica (srl) avente sede legale in questo Comune, con indicazione del legale rappresentante.
Considerato che:
1) non esiste più la sede della ditta (circostanza confermata dai vicini)
2) il legale rappresentante è stato cancellato per irreperibilità dall’anagrafe di questo Comune e non risulta essere ricomparso in altro Comune
vorrei sapere se è corretta la notifica ai sensi dell’art. 60, lett. E), del D.P.R. 29.09.1973, n. 600, riportando nell’avviso: "Si rende noto che in data odierna è stato depositato nella Casa Comunale copia del provvedimento emesso dall’Agenzia delle Entrate di … e destinato alla ditta ....., essendo di fatto irreperibile il destinatario all’indirizzo riportato nell’atto predetto ed essendo risultato infruttuoso ogni tentativo di conoscerne l’attuale abitazione – ufficio – azienda, dopo le ricerche effettuate di cui al secondo comma dell’art. 148 del C.PC.”
oppure se deve essere indicato qualcos’altro riguardo l’irreperibilità del legale rappresentante.

Ho ricevuto poi da altra Agenzia delle Entrate un atto tributario destinato a persona giuridica, senza identificazione del legale rappresentante.
Anche in questo caso la Ditta non è più esistente. Posso procedere direttamente con l’art. 60 lett. E) oppure devo prima acquisire una visura camerale da cui risulti il nominativo e la residenza del legale rappresentante?
Se quest’ultimo fosse residente in altro Comune, si procede sempre ai sensi dell’art. 60 lett. E) nel Comune sede della ditta, considerato che le notifiche alle persone giuridiche si effettuano solo nel domicilio fiscale del contribuente e quindi nella sede legale della società e non anche nel domicilio fiscale del legale rappresentante (se residente in Comune diverso)?


 
PM  Top
luigirainews24
view post Posted on 2/12/2010, 14:43 Quote




il problema è che quando un atto viene inviato al destinatario ad un dato domicilio, il destinatario non ha alcun obbligo di farsi trovare, cosa invece differente per la residenza........
Potrebbe darsi che prevdedendo di andarsene da quel posto,.... per quell'affare abbia provveduto ad attivare alcuni servizi postali quali il fermoposta, seguimi, o cassetta postale.

NON vi è un obbligo specifico di inviare la raccomandata per le notifiche di cui alla lettera E del dpr 600/73.
Allo stesso modo che non prevede un obbligo, PARREBBE leggendo la norma che la si dovrebbe mandare.
Alcuni giudici anche di leggittimità, ci dicono che NON la si dovrebbe mandare.........
Potrebbe darsi che avendo attivato il contribuente uno di quei servizi postali sopra elencati, inviando la raccomandata si aumenterebbe la probabilità di AVVISARLO DEL COMPIUTO DEPOSITO.

A TE LA SCELTA!
 
Top
view post Posted on 6/12/2010, 08:19 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,961

Status:


CITAZIONE
Anche in questo caso la Ditta non è più esistente. Posso procedere direttamente con l’art. 60 lett. E) oppure devo prima acquisire una visura camerale da cui risulti il nominativo e la residenza del legale rappresentante?
Se quest’ultimo fosse residente in altro Comune, si procede sempre ai sensi dell’art. 60 lett. E) nel Comune sede della ditta,

Mi correggano i colleghi se sbaglio, ma io in entrambi i casi applicherei la lettera "E" dell'art. 60.
Dopo aver fatto le ricerche che tu dici, le riporterei nella relata.
Qualora scoprissi che il legale rappresentante è residente in altro Comune, lo citerei nella relata di notifica e sarà eventualmente cura dell'AdE a tentare una nuova procedura nei confronti del L.R..
CITAZIONE
Potrebbe darsi che avendo attivato il contribuente uno di quei servizi postali sopra elencati, inviando la raccomandata si aumenterebbe la probabilità di AVVISARLO DEL COMPIUTO DEPOSITO.

Non è previsto.
Oltretutto dovresti motivare al tuo Ente una spesa non richiesta.
 
PM Email Web Contacts  Top
17 replies since 24/11/2010, 15:17
 
Reply