Il Messo Notificatore

Reply

notifica giacenza multa alle Poste con cognome errato

« Older   Newer »
medoro2
view post Posted on 4/1/2011, 14:38 Quote




Salve a tutti. Giorni fa ho ricevuto una notifica di giacenza atti giudiziari (sicuramente una multa per divieto di sosta) all'ufficio postale della mia zona di residenza. L'indirizzo era corretto, ma il mio cognome era sbagliato per una lettera. Volevo sapere se posso ignorare questa notifica dato che il cognome è comunque errato.
In particolare posso ignorarla del tutto? Oppure mi conviene recarmi all'ufficio postale e vedere se anche nell'atto giudiziario risulta un cognome errato? Infatti. dato che il postino comunque ha lasciato l'avviso è ovvio che dopo 10 giorni la multa si intende notificata, e se poi l'errore era solo nell'atto di notifica delle poste ed invece l'atto ufficiale risulta corretto...?
Insomma nn so che fare....
Grazie.
 
Top
medoro2
view post Posted on 4/1/2011, 15:16 Quote




In particolare volevo sapere se, una volta recatomi all'ufficio postale, ed accertatomi che anche nell'atto il cognome è errato, non ritirarlo subito, ma ritornare prima della scadenza dei 6 mesi di tempo di giacenza e a quel punto fare presene che il cognome è errato quindi saranno costretti a reinviarlo al mittente, in questo modo nel frattempo scadono i termini di notifica della multa e non possono tentare un reinvio col cognome corretto...
 
PM  Top
9‚8 m/s
view post Posted on 4/1/2011, 15:29 Quote




Intanto controllerei la carta di circolazione del tuo autoveicolo.
Normalmente il comando che accerta la violazione, partendo dalla targa dell'autoveicolo acquisisce le generalità anagrafiche del proprietario risultanti al PRA.
Se il tuo cognome è errato sulla carta di circolazione, di conseguenza è e sarà sbagliato su tutte le raccomandate che ti giungeranno per violazioni commesse con quell'autoveicolo.
In questo caso ho il dubbio (ma forse sbaglio) che rischi una multa andando in giro con una carta di circolazione con le tue generalità inesatte.
Forse (e dico FORSE) la notifica sarà anche non valida ma ti conviene smuovere questa situazione anomala?
Un consiglio:

se la carta di circolazione contiene le tue generalità inesatte, cerca di farla aggiornare.
 
Top
view post Posted on 5/1/2011, 00:09 Quote
Avatar

Member

Group:
Moderator
Posts:
789

Status:


Se l'auto è la tua e la multa è giusta non credo che una lettera sbagliata del tuo cognome invaliderà la notifica. L'atto andrà comunque avanti e sarà sanabile appena lo contesti. Ignorarlo non significa renderlo nullo ma semplicemente, dopo aver tentato per posta, chiederanno la notifica ai messi che lo porteranno nella tua sfera di conoscenza e alla fine dovrai pagare comunque la multa maggiorata delle spese di notifica. Attaccati a qualsiasi appiglio se la multa è ingiusta ma se non lo fosse...forse sarebbe bene chiudere la faccenda subito senza aspettare oltre. Ciao

PS per quale motivo il postino dovrebbe farti visionare un atto che sembrerebbe essere di un altro? Per aprire la busta saresti comunque costretto a ritirarla perchè magari il cognome è sbagliato anche sulla busta ma non sulla relata, e da dove hai tirato fuori il termine di sei mesi per la prescrizione?

Edited by ManuelaRm - 5/1/2011, 00:26
 
PM Email  Top
LUIGIRAI1
view post Posted on 5/1/2011, 18:24 Quote




ho letto una volta su internet un articolo in cui si diceva che la cassazione aveva dichiarato perfettamente leggittima una multa notificata col nome sbagliato....

ovviamente si trattava di una adulterazione del nome sanabile e scusabile........
se poi il nome viene proprio ribaltato.....è una altra cosa.......

CITAZIONE (medoro2 @ 4/1/2011, 15:16) 
In particolare volevo sapere se, una volta recatomi all'ufficio postale, ed accertatomi che anche nell'atto il cognome è errato, non ritirarlo subito, ma ritornare prima della scadenza dei 6 mesi di tempo di giacenza e a quel punto fare presene che il cognome è errato quindi saranno costretti a reinviarlo al mittente, in questo modo nel frattempo scadono i termini di notifica della multa e non possono tentare un reinvio col cognome corretto...

stai proprio fresco se la pensi così........ammesso che fosse come dici tu..........
esiste la RINNOVAZIONE DELLA NOTIFICAZIONE.
quindi il comando CREDO nel giorno stesso in cui riandrà la raccomandata indietro con l'indicazione del nome sbagliato hanno di nuovo gli stessi termini per rinotificarti l'atto...., magari questa volta con l'ausilio dei messi comunali.
 
Top
view post Posted on 26/1/2011, 22:16 Quote
Avatar

Advanced Member

Group:
Moderator
Posts:
1,431

Status:


Orbene! Quanto io pensi non è stato comprovato dai fatti e vi spiego perchè.
Personalmente sostengo che un errore, anche solo "materiale" nella scrittura del nome, possa essere usato per resistere ad una notifica però, però, però...il giudice di pace ha ritenuto il contrario. Ecco il fatto:

- Notifica a mezzo posta fallita in quanto non corrisponde il solo nome poichè è scritto "Dino" invece di "Lino"

- Ritentata notifica a mezzo messo che prova ad effettuarla con lo stesso errore (però alla giusta persona) che rifiuta l'atto per il medesimo motivo.

- Restituzione dell'atto non notificato per nome non corrispondente al destinatario individuato al civico indicato.

- Nuova richiesta di notifica a mezzo messo del verbale corretto "a bianchetto" pervenuto il 151° giorno dall'avvenuto accertamento di violazione.

- Notifica dell'atto corretto a bianchetto al rispettivo destinatario il 152° giorno dall'avvenuto accertamento di violazione (prima che i termini fossero stati ridotti a 90gg.).

- Ricorso al giudice di pace che conferma la validità del verbale citando l'estensione dei tempi motivata dal fatto che le esatte generalità sono state riconosciute solo dopo aver ottenuto la mia informazione che l'atto era stato rifiutato per errore materiale nella scrittura del nome.

Io ritengo che la sforatura dei termini fu dovuta ad un errore (se pur materiale) nella redazione del verbale e pertanto la responsabilità di tale errore sarebbe dovuta ricadere sul redattore dell'atto e non sul destinatario dello stesso.

Il giudice di pace ha ritenuto diversamente ed il destinatario ha valutato che l'importo della sanzione confermata non giustificava l'eventuale costosissimo (in tempo e denaro) ricorso in cassazione.

Se il destinatario dell'atto, però, fosse stato un avvocato... magari patrocinante la cassazione... non so se il giudice di pace avrebbe visto confermata la sua sentenza!
Saluto tutti
Alex da Sommacampagna
 
PM Email  Top
5 replies since 4/1/2011, 14:38
 
Reply