Il Messo Notificatore

Reply

Art. 139 C.P.C.

« Older   Newer »
Carlo5555
view post Posted on 10/6/2008, 18:13 Quote




Ciao a tutti volevo sapere come fate voi quando consegnate un atto nell'abitazione del destinatario è trovate la donna di servizio, oggi ho avuto una piccola discussione con un mio collega messo di vecchia data, descrivo la mia procedura 1) ho notificato l'atto(non tributario)compilando la relata e mettendola in busta chiusa consegnata alla signora, quando mi reco in ufficio scarico il tutto dal computer e la invio al notificante dell'atto con richiesta di diritti di notifica,il mio collega mi riprende dicendo che lui di solito fà sempre firmare la ricevuta di consegna della busta chiusa, è la spedisce insieme all'atto al notificante, mi chiedo che senso ha questa cosa? secondo me fà fede la relata, al massimo la ricevuta e una cosa in più nostra che si vuole far firmare,visto che l'Art 139 C.P.C lo prevede solo se viene consegnata al portiere o vicino di casa è in quel caso si manda una raccomandata al destinatario dicendo che le è stato notificato un atto e consegnato a quest'ultimi, cosa ne pensate?
 
Top
view post Posted on 10/6/2008, 18:28 Quote
Avatar

Member

Group:
Moderator
Posts:
789

Status:


Noi facciamo sempre firmare la ricevuta che dichiara la consegna in busta chiusa e sigillata dell'atto, a chiunque non sia il destinatario. In altre parole, facciamo firmare la ricevuta (che poi spilleremo all'atto da restituire) alla moglie, alla convivente, al coinquilino, al portiere, al vicino, all'amico, alla domestica, alla badante. Facciamo firmare sull'atto solo ai figli e parenti stretti conviventi (padre, madre, fratelli). Eccesso di zelo?
 
PM Email  Top
Carlo5555
view post Posted on 10/6/2008, 19:36 Quote




A mio avviso è un eccesso senza senso, rimane un mio parere, la legge è quella!!!, l' Art.137 c.p.c comma 3 legge sulla privacy dice ben altro, che senso ha fare cose in più, un mio amico avvocato dice sempre di non esasperare mai le cose attenersi a quello che dice la legge,le cose che si fanno in più non servono a niente anzi servono a far capire agli altri che non sei sicuro di quello che fai.
 
PM  Top
view post Posted on 11/6/2008, 00:20 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,953

Status:


Io eccedo nello zelo ancora di più... :B): sono un grafo-maniaco.
Faccio firmare tutti.
Sul documento solo al destinatario.
A tutti gli altri, dal figlio alla moglie, all'amante ecct.. la ricevuta della busta chiusa e sigillata.
Come ho già detto mi tutelo e mi assicuro il futuro.
Non voglio andare tra 4 o 5 anni (quando spero di essere in pensione ) a confrontarmi con qualcuno per affermare se ho consegnato un documento o meno... la firma canta e io dormo tranquillo e poi cosa costa farsi firmare il documento?
Supponiamo che lo si consegni in luogo libero, ecco che scatta la dicitura "in condizioni di riservatezza" già citata, ma se il destinatario non sottoscrive questa situazione, potrebbe un domani affermare che intorno c'era pieno di gente e che l'ho messo in imbarazzo...violando la sua privacy.
Vai a farti le ragioni..invece se ha firmato che eravamo appunto "in condizioni di riservatezza" conferma, accetta e manleva.
 
PM Email Web Contacts  Top
momy996
view post Posted on 11/6/2008, 08:05 Quote




Come Manuela e Borghetto !!!
 
Top
ClaudioPuglia
view post Posted on 11/6/2008, 08:24 Quote




Spiccicato a Borghetto image
 
Top
calmo
view post Posted on 11/6/2008, 08:55 Quote




Anche noi come descritto da voi tutti,se trattasi di atti amministrativi in busta chiusa e sigillata con degli adesivi che riportano la dicitura "notifica di atti:sigillo di garanzia a tutela del rispetto della privacy"facendoci firmare ricevuta autocopiante in triplice copia di cui la prima resta agli atti,la seconda viene spillata sull'atto da restituire e la terza viene spillata sulla busta chiusa e sigillata del destinatario,se trattasi di atto finanziario la procedura viene completata con l'invio della raccomandata.
 
Top
Carlo5555
view post Posted on 11/6/2008, 15:04 Quote




Ciao Ragazzi grazie per le risposte ma ritengo che noi poveri messi ci complichiamo la vita che sarebbe così semplice rispettare i rispettivi Art. c.p.c
quello che leggo nelle risposte sono tutte cose in più che a termine di legge non servono a niente, Art.137 comma 3
 
PM  Top
view post Posted on 11/6/2008, 15:20 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,953

Status:


CITAZIONE
quello che leggo nelle risposte sono tutte cose in più che a termine di legge non servono a niente

Vero, quello che dici è verissimo, ma vivendo in un ambiente dove tra Uffici Comunali si pretende la firma per "passarsi" dei documenti dopo averli, magari, registrati col protocollo interno, ci si lascia prendere da queste misure cautelari eccessive, però il prezzo da pagare (10 - 15 secondi di tempo) per farsi fare un'autografo è talmente basso e senza controindicazioni che ci può stare.

Comunque, a termini di legge, hai ragione. ;)


Edito:

Edito per raccontarti questo aneddoto.
Circa 17 anni fa notificai tramite art. 140 c.p.c. alla moglie di un mio amico d’infanzia due verbali che lui aveva rifiutato di ricevere in un impeto momentaneo di nervoso.
Lo avvisai che gli sarebbero stati notificati in tal modo e al suo ennesimo rifiuto, procedetti.
A quel tempo non era necessario che la ricevuta della raccomandata fosse allegata all’atto, né tanto meno che la stessa raccomandata fosse giunta a destinazione, bastava citare nella relata di aver provveduto a tutti gli adempimenti necessari.
Dopo quattro anni, appena istituito l’Ufficio del Giudice di Pace, al mio amico arrivò una cartella di quasi 600.000 lire per quelle multe (e a qui tempi erano uno stipendio) Lui pensò bene di ricorrere immediatamente dicendo che non gli erano mai state notificate.
Il Giudice di Pace PRETESE , pena l’annullamento, di verificare se le raccomandate erano giunte a buon fine.
Nel mio abituale disordine e ripeto, non era necessario tenerle ( ti cito quanto enunciavano le sentenze della Corte di Cassazione di allora “mentre resta a tal fine irrilevante l’effettiva consegna della raccomandata al destinatario, ovvero l’allegazione dell’avviso di ricevimento sottoscritto dallo stesso o da altra persona legittimata” ) riuscii a trovarle e a portarle al Giudice, dimostrando che le aveva ritirate lui stesso, con tanto di firma e data.
Da allora non do nulla per scontato.


Edited by Borghetto - 11/6/2008, 22:33
 
PM Email Web Contacts  Top
Carlo5555
view post Posted on 11/6/2008, 17:29 Quote




Grazie borghetto per la risposta e vedo che sei preparato alla grande, io volevo arrivare a questo, far rendere conto che la legge e quella, poi ognuno fa come vuole per le sue svariate ragioni, mentre parlando con alcuni colleghi e sentendo alcune risposte mi veniva il dubbio che si dava per scontato fare in una certa maniera perché la maggior parte dei messi fa così. Ritengo che la nostra sia una categoria sottovalutata quindi dobbiamo usare tutte le armi che abbiamo, 1) essere preparati cosa importante sempre aggiornati, il giorno che qualche bel avvocato o altri ti vogliono prendere in castagna, il messo preparato sa cosa dire e fare, ho fatto tutto questo giro di parole perché è successo al mio collega di voler fare firmare la ricevuta alla moglie del destinatario di una notifica amministrativa, il caso vuole che questa donna fosse un avvocato, non ti dico la figura di m......... che gli ha fatto fare e meno male che di questi persone ne trovi pochissime,non mi dilungo più di nuovo grazie e complimenti
 
PM  Top
view post Posted on 16/6/2008, 11:49 Quote
Avatar

Advanced Member

Group:
Moderator
Posts:
1,427

Status:


CITAZIONE (Carlo5555 @ 11/6/2008, 17:29)
...è successo al mio collega di voler fare firmare la ricevuta alla moglie del destinatario di una notifica amministrativa, il caso vuole che questa donna fosse un avvocato, non ti dico la figura di m......... che gli ha fatto fare e meno male che di questi persone ne trovi pochissime,non mi dilungo più di nuovo grazie e complimenti

Poichè la mia RELATA DI NOTIFICA è contemporaneamente RICEVUTA DI BUSTA, ho ovviato a questo problema.
In effetti la norma 139/2 cpc NON PREVEDE la raccomandata informativa della avvenuta consegna di un atto alla persona addetta alla casa del destinatario.
Sono comunque dell'opinione che finchè ai messi sono lasciati tempo e risorse per adottare ulteriori scrupoli al fine di assicurare un buon fine alla propria opera, è opportuno lasciarli fare (abbondare meglio che deficere) ma non in tutti gli enti ciò è possibile e qui i nostri colleghi devono limitarsi allo stretto necessario ed applicare pedissequamente la norma e niente più.
Alex da Sommacampagna
 
PM Email  Top
view post Posted on 16/6/2008, 12:22 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,953

Status:


CITAZIONE
Poichè la mia RELATA DI NOTIFICA è contemporaneamente RICEVUTA DI BUSTA, ho ovviato a questo problema.

Io mi auguro che questo tuo escamotage venga considerato nella stesura del testo unico, perchè sarebbe veramente l'uovo di Colombo... sarebbe una rivoluzione che ci faciliterebbe enormemente il lavoro, ma che io sinceramente sono ancora titubante ad adottare, per la parte che prevede la firma, il successivo "collage" e per ultimo l'imbustamento.
Meccanicamente è ineccepibile ^_^ ma non vorrei che uscisse qualche "azzeccagarbugli" e scombusolasse tutto.
Se il tuo sistema dovesse essere riconosciuto e ritenuto a prova di legale "Carnevalesco", faremo una sezione dedicata a te su questo forum per i doverosi ringraziamenti che tutti i Messi Notificatori d'Italia saranno tenuti a inviarti almeno una volta all'anno . ;)
image
 
PM Email Web Contacts  Top
view post Posted on 16/6/2008, 14:57 Quote
Avatar

Advanced Member

Group:
Moderator
Posts:
1,427

Status:


CITAZIONE (Borghetto @ 16/6/2008, 12:22)
CITAZIONE
Poichè la mia RELATA DI NOTIFICA è contemporaneamente RICEVUTA DI BUSTA, ho ovviato a questo problema.

Se il tuo sistema dovesse essere riconosciuto ...

Borghetto !!!...se stai provando ad imbarazzarmi ci stai riuscendo !!!

A parte gli scherzi, purtroppo non sempre ciò che è comodo e razionale viene adottato se non c'è un movimento generale che ne induce l'utilizzo creando quella consuetudine che a volte interviene addirittura nell'interpretazione delle norme. Voglio dire che l'adozione della ricevuta in triplice copia su carta chimica autocopiante NON E' STATA DETTATA DA NESSUNA NORMA, o per meglio dire: la normativa non ha precisato come doveva essere questa ricevuta e nell'assenza di precise disposizioni modulistiche, chi di questo vive ( le varie case editrici di modulistica per pubblica amministrazione ) ha opportunatamente proposto la soluzione più consona alla propria convenienza, non a quella dei messi .
Caro Borghetto, è come questo Forum: tu lo hai proposto, l'hai fatto nascere ma è il contributo di noi tutti che ne determina l'utilità, l'evoluzione, l'importanza ed in ultima analisi, la sopravvivenza.
Nel caso della relata/ricevuta autoadesiva, il mio merito sta solo nel fatto di aver voluto migliorare la qualità e la velocità del mio lavoro (rendimento) guadagnando però anche in comodità ed agio nell'espletarlo.
Pensa inoltre che il modello d'utilità (così si definisce formalmente) della relata autoadesiva NON E' LA SOLUZIONE definitiva ma solo un passaggio obbligato per un'altra idea che vorrei realizzare e che risolverebbe, questa sì, gran parte delle problematiche emergenti nel nostro lavoro, unificando nel contempo il modus operandi di noi tutti nel territorio nazionale.
Non voglio qui aggiungere altro, sto approfittando anche troppo dello spazio riservato ad un altro tema, ma se lo ritieni opportuno ci potremmo veramente lavorare sopra in uno spazio opportunamente destinato.
Grazie comunque
Alex da Sommacampagna
 
PM Email  Top
view post Posted on 16/6/2008, 15:19 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,953

Status:


CITAZIONE
...ma solo un passaggio obbligato per un'altra idea che vorrei realizzare .... Non voglio qui aggiungere altro, sto approfittando anche troppo dello spazio riservato ad un altro tema, ma se lo ritieni opportuno ci potremmo veramente lavorare sopra in uno spazio opportunamente destinato.

:o:
Hai tutto lo spazio che vuoi.
Chiedi quello che ti serve e cosa possiamo fare.
 
PM Email Web Contacts  Top
view post Posted on 18/6/2008, 21:52 Quote
Avatar

Member

Group:
Member
Posts:
305

Status:


[QUOTE=Carlo5555,10/6/2008, 18:13]
un mio collega messo di vecchia data


devi dire al tuo collega di vecchia data che è ora che vada in pensione, così almeno non crea danni mettendoti dei dubbi. Altro consiglo che potresti dare al vecchio è:
che acquisti il Codice di Procedura Civile edito dalla Maggioli al costo di Euro 19,00, e consultare a pagina 100 l'Art 139 comma 2°, senza interferire nel tuo modo di notificare. Un piccolissimo aiutino: sarebbe utile fare il distinguo delle persone che ricevono l'atto. Stai attento che la DOMESTICA ad ore non è per niente autorizzata a ritirare l'atto. Se anche dovesse firmare l'atto o la ricevuta come tanti suggeriscono, non implica che la medesima rientri nell'elenco delle persone autorizzate a ritirare la notifica. Di conseguenza è come consegnarla a gatto Silvestro o a Titty o a Yoghi. Bay bay.
Il tuo coollega se necessita di un consulto rimango a disposizione quasi gratuitamente.
 
PM Email  Top
36 replies since 10/6/2008, 18:13
 
Reply