Il Messo Notificatore

Reply

NOTIFICA TIA/TARSU

« Older   Newer »
socrat3
view post Posted on 23/11/2010, 17:43 Quote




Salve,

ho un dubbio incredibile, che mi tormenta, che sono sicuro alcuni di voi esperti potranno risolvere. Grazie

Dobbiamo notificare degli avvisi di accertamento (parlo per conto di una ATO rifiuti) TIA/TARSU con la busta verde (atti giudiziari) a mezzo posta con raccomandata con ricevuta. In pratica questa modalità di notifica viene indicata dal comma 161 della finanziaria 2007. Gli atti vanno in decadenza il 31/12/2010.

Mi dicono che dentro la busta non deve essere compilata la relata di notifica poichè, per i tributi locale (è una previsione speciale per i soli tributi locali), vale solo l'avviso di ricevimento verde.

Vi risulta? Queste modalità organizzative vengono individuate per dare tutto il lavoro all'agente postale che così può chiudere le buste con mezzi informatici e per atti seriali ed evitare di dover gestire 10.000 invii manualmente tramite messo comunale con invio mezzo posta.

Mi date un aiuto? Posso evitare di compilare la relata di notifica da inserire in calce all'avviso di accertamento?

grazie
 
Top
view post Posted on 24/11/2010, 09:35 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,946

Status:


Personalmente non sono un esperto, sono solo un Messo Comunale e da quanto ne so per i tributi locali quali ICI e TARSU gli avvisi di accertamento vengono emessi dal funzionario dell’ Ufficio ed inviati tramite raccomandata A.R. (niente buste verdi A.G. e nessuna relata di notifica).
Non ho compreso se sei un Messo Comunale, comunque se lo sei, detti avvisi di accertamento ti competono per quanto riguarda i contribuenti residenti nel territorio del tuo Comune a cui l’invio della raccomandata non è andato a buon fine.
A questo punto dovrai fare le necessarie ricerche ed applicare gli art. del c.p.c.

Niente spedizioni per quanto ti riguarda a meno che tu non abbia un progetto obiettivo o quant’altro ti possa far avere un ritorno economico extra.
Come di solito ti consiglio di aspettare il parere di altri colleghi sicuramente più preparati di me. ;)

Ciao Paolo.
 
PM Email Web Contacts  Top
view post Posted on 24/11/2010, 10:19 Quote
Avatar

Exenon

Group:
Moderator
Posts:
1,352

Status:


CITAZIONE (Borghetto @ 24/11/2010, 08:35) 
Personalmente non sono un esperto, sono solo un Messo Comunale e da quanto ne so per i tributi locali quali ICI e TARSU gli avvisi di accertamento vengono emessi dal funzionario dell’ Ufficio ed inviati tramite raccomandata A.R. (niente buste verdi A.G. e nessuna relata di notifica).

Ciao Paolo.

Anch'io ero tentato di rispondere in questo senso, mi risulta che nel mio Comune l'ufficio tributi invia le bollette della Tarsu tramite raccomandata con cartolina bianca e priva di relata.
Ma in una recente discussione mi è sembrato di capire che c'èrano dei pareri discordanti, quindi rimanendo personalmente di questo parere, attendiamo altri approfondimenti.
Ciao.

image
 
PM Email  Top
view post Posted on 24/11/2010, 12:06 Quote
Avatar

Junior Member

Group:
Member
Posts:
35

Status:


CITAZIONE (Borghetto @ 24/11/2010, 08:35) 
Personalmente non sono un esperto, sono solo un Messo Comunale e da quanto ne so per i tributi locali quali ICI e TARSU gli avvisi di accertamento vengono emessi dal funzionario dell’ Ufficio ed inviati tramite raccomandata A.R. (niente buste verdi A.G. e nessuna relata di notifica).
Non ho compreso se sei un Messo Comunale, comunque se lo sei, detti avvisi di accertamento ti competono per quanto riguarda i contribuenti residenti nel territorio del tuo Comune a cui l’invio della raccomandata non è andato a buon fine.
A questo punto dovrai fare le necessarie ricerche ed applicare gli art. del c.p.c.

Niente spedizioni per quanto ti riguarda a meno che tu non abbia un progetto obiettivo o quant’altro ti possa far avere un ritorno economico extra.


Sono dello stesso parere enunciato dal collega Paolo.

Inoltre vorrei aggiungere che la modalità di notifica indicata dall'art.1 co.161 della finanziaria 2007 di cui fa riferimento il collega "socrat3", dice che .... Gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono a notificare al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata A/R, un avviso motivato (cioè per dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti nonchè per accertamenti d'ufficio delle omesse dichiarazioni o ritardati versamenti) entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.
Quindi in poche parole, come già anticipato da Borghetto, l'atto emesso dal funzionario dell'ufficio tributi dell'Ente Comunale XXXXXXXX viene notificato al contribuente anche per mezzo posta con Racc A/R colore bianco per intenderci (niente buste verdi che sono utilizzate da A.G.).

 
PM Email  Top
claudiofoia56
view post Posted on 24/11/2010, 12:08 Quote




da quel che mi risulta gli avvisi accertamenti che riguardano tributi locali possono essere anche spediti senza notificazioni tramite raccomandata con ricevuta di ritorno senza usufruire del messo notificatore
 
Top
9‚8 m/s
view post Posted on 24/11/2010, 12:37 Quote




CITAZIONE (nemo1081 @ 24/11/2010, 11:06) 
Quindi in poche parole, come già anticipato da Borghetto, l'atto emesso dal funzionario dell'ufficio tributi dell'Ente Comunale XXXXXXXX viene notificato al contribuente anche per mezzo posta con Racc A/R colore bianco per intenderci (niente buste verdi che sono utilizzate da A.G.).

Sono d'accordo, ma come si deve comportare l'Ufficio Tributi nel caso in cui una semplice raccomandata A/R torni indietro dopo la compiuta giacenza?
Non credo che in questo caso possa essere considerata valida la notifica.
A mio parere, per tagliare la testa al toro, è sempre meglio procedere con le disposizioni che regolamentano la notifica a mezzo posta le quali in caso di assenza del destinatario prevedono il deposito del plico presso l'ufficio postale, l'immissione dell'avviso di deposito nella cassetta del destinatario ed il contestuale invio, tramite raccomandata a/r della cosiddetta C.A.D (comunicazione di avvenuto deposito).
 
Top
view post Posted on 24/11/2010, 12:47 Quote
Avatar

Exenon

Group:
Moderator
Posts:
1,352

Status:


CITAZIONE (9‚8 m/s @ 24/11/2010, 11:37) 
Sono d'accordo, ma come si deve comportare l'Ufficio Tributi nel caso in cui una semplice raccomandata A/R torni indietro dopo la compiuta giacenza?
Non credo che in questo caso possa essere considerata valida la notifica.

Secondo me, in caso di compiuta giacenza la notifica è da considerarsi valida, in quando è il destinatario che non è andato a ritirare il plico alla posta, un pò come succede a noi in caso di notifica ai sensi dell'art. 140.
Se il destinatario pur ricevendo l'avviso di deposito non provvede a ritirare l'atto depositato. la notifica è comunque da ritenersi valida.

image
 
PM Email  Top
view post Posted on 24/11/2010, 12:49 Quote
Avatar

PENSIONATO

Group:
Member
Posts:
2,946

Status:


CITAZIONE
Sono d'accordo, ma come si deve comportare l'Ufficio Tributi nel caso in cui una semplice raccomandata A/R torni indietro dopo la compiuta giacenza?

La passano a me e procedo ai sensi del Codice di Procedura Civile :)
Anche se credo che Exe abbia ragione... lo faranno per scrupolo.
 
PM Email Web Contacts  Top
9‚8 m/s
view post Posted on 24/11/2010, 13:59 Quote




Ricordate, sino a pochi anni fa la notifica a mezzo posta in caso di deposito del plico presso l'ufficio postale non prevedeva l'invio a mezzo raccomandata della C.A.D.
Poi questo procedimento fu giudicato incostituzionale rapportandolo alle formalità di cui all'art. 140 C.P.C. e fu quindi modificata la legge ed introdotto l'invio della C.A.D.
Ovviamente la C.A.D. non verrebbe inviata dal portalettere nel caso di notifica effettuata a mezzo posta utilizzando una semplice raccomandata a/r.
Per concludere io credo che nella fattispecie, in caso di compiuta giacenza si tornerebbe nuovamente in una situazione poco costituzionale.
Di conseguenza, in caso di semplice raccomandata a/r non ritirata dal destinatario, meglio procedre alla successiva notifica tramite Messo.
 
PM  Top
view post Posted on 24/11/2010, 14:10 Quote
Avatar

Exenon

Group:
Moderator
Posts:
1,352

Status:


CITAZIONE (9‚8 m/s @ 24/11/2010, 12:59) 
Per concludere io credo che nella fattispecie, in caso di compiuta giacenza si tornerebbe nuovamente in una situazione poco costituzionale.
Di conseguenza, in caso di semplice raccomandata a/r non ritirata dal destinatario, meglio procedre alla successiva notifica tramite Messo.

Come detto da Borghy, anch'io credo che per scrupolo tutti gli atti che per un motivo o per un'altro vengono restituiti dalle poste, alla fine arrivano nelle mani di noi messi.

image
 
PM Email  Top
9‚8 m/s
view post Posted on 24/11/2010, 14:41 Quote




Non ho mi è mai stato chiesto di notificare un verbale che era stato restituito dopo la compiuta giacenza.
Parlo, però, di notifica effettuata a mezzo della L. 20.11.1982 n. 890 (Notificazione di atti a mezzo posta).
 
PM  Top
view post Posted on 24/11/2010, 14:51 Quote
Avatar

Exenon

Group:
Moderator
Posts:
1,352

Status:


CITAZIONE (9‚8 m/s @ 24/11/2010, 13:41) 
Non ho mi è mai stato chiesto di notificare un verbale che era stato restituito dopo la compiuta giacenza.
Parlo, però, di notifica effettuata a mezzo della L. 20.11.1982 n. 890 (Notificazione di atti a mezzo posta).

Non credo che gli Uffici Tributi si riferiscono a questa legge. quando effettuano le spedizioni in questione.
Questo tipo di notifiche li facciamo noi messi e in questo caso penso che sia d'obbligo per noi sia la busta verde che la relata.

image
 
PM Email  Top
9‚8 m/s
view post Posted on 24/11/2010, 15:02 Quote




Siamo alle solite.
E' assurdo che il sitema di notifica sia diverso per ogni tipologia di atto.
Quello che voglio dire è che a mio parere la notifica di tutti gli atti amministrativi (compresi quelli dell'Agenzia delle Entrate che sono comunque atti emessi da una pubblica amministrazione) dovrebbe essera uniformata esclusivamente al C.P.C. se effettuata brevi mano ed alla L. 20.11.1982 n. 890 se effettuata a mezzo posta.
Dov'è finito il Testo Unico di cui tanto si parlava?
 
PM  Top
claudiofoia56
view post Posted on 24/11/2010, 15:54 Quote




la spedizione fatta tramite raccomandata ricevuta di ritorno anche se tornasse al comune con giacenza postale comunque evita nella data di spedizione la prescrizione dell atto certo sicuramente poi subentra il messo comunale con accertamenti e in caso positivo con notificazione dell 'atto

sono in piena sintonia con 9.8 hanno creato confusione ogni atto ha la sua importanza ma differenziare tributi con amministrativi crea un bel casino e da la possibilità a avvocati di lavorare di più anni passati erano tutte uguali si procedeva con ogni atto con stesse disposizioni posso capire la privacy ma non procedimenti diversi si ci voleva proprio un bel TESTO UNICO
 
PM  Top
view post Posted on 24/11/2010, 18:03 Quote
Avatar

Member

Group:
Moderator
Posts:
789

Status:


Oh regà, io sta cartolina verde l'ho vista solo una volta in vita mia ...ed era indirizzata proprio a me.
Noi non eseguiamo mai notifiche per posta perchè quando ci arrivano gli atti, il tentativo postale è già stato effettuato e ha avuto esito negativo...
 
PM Email  Top
16 replies since 23/11/2010, 17:43
 
Reply